E se il calcio caprino discendesse da Vittorio Sgarbi?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Può essere Vittorio Sgarbi il "padre" del caprinismo? Il suo tormentone "capra! capra! capra!" sembra parlar chiaro...

Nessuno lo poteva immaginare. Propro nessuno. Chi poteva credere che, in uno di quei tanti lunedì, al “Processo di Biscardi” si cominciavano a smuovere i destini del calcio italiano. Come si poteva immaginare che, tra quei litiganti bramosi di moviola in campo, in quel momento si stavano impiantando i germi della più grande rivoluzione calcistica? Più grande di quelle fatte da Pelé e Maradona. Ma soprattutto: è possibile che l’origine di questo sconvolgimento nel mondo calcistico si fosse incarnato in una sola singola persona?
Il nuovo ordine che rappresenta oggi il calcio caprino è un mistero troppo grande, incomprensibile nella sua maestosità. Talmente immenso che sembra impossibile rintracciarne l’origine in un semplice essere umano, piuttosto che in un calciatore, o peggio in un frequentante degli intellettuali circoli biscardiani. Eppure un team di scienziati ha ufficializzato la scoperta a dir poco sconcertante: il calcio caprino ha un’origine, anzi un vero e proprio antenato, ed è Vittorio Sgarbi!

Perchè proprio Vittorio Sgarbi?

Ebbene, com’è possibile che questo grande studioso d’arte, un uomo che sta al calcio come un vegano sta al salamino Beretta, un critico di dipinti e sculture, possa essere la pietra angolare su cui si è innalzato il calcio caprino così come lo conosciamo? Secondo gli scienziati, analizzando alcuni dei momenti televisivi più famosi del critico è possibile rintracciare tratti primitivi che, dopo una serie di rapidi processi evolutivi, sarebbero poi diventati i pilastri su cui si regge il moderno football lanuginoso.

L’episiodio con Mosca e Squitieri

Si parte, appunto, da quello storico dialogo, puro ed intellettuale, avvenuto nelle prime edizioni del Processo. Erano anni di fermento, il calcio appariva come un mondo inquieto con le sue piccole prime reti pay per wiew, e ci sono tre uomini: Maurizio Mosca, Pasquale Squitieri e Vittorio Sgarbi, appunto. È quest’ultimo che a un certo punto si erge sulle masse e pronuncia una di quelle frasi che, a detta dei ricercatori, avrebbe dato il via al processo caprino: “Un calciatore produce un’emozione identica a quella di un artista, e nessuno si stupisce che Picasso sia miliardario”.

Una frase piena di verità

Come non dargli ragione? In fondo, i calciatori caprini non sono artisti? Testimoni di un calcio che unisce agonismo e meraviglioso tassesco? Pensiamo al dinamismo di un gol di Loria, a un’eroica uscita di Ballotta dai pali, alle plastiche figure nelle esultanze di Sciaudone o alle emozioni distopiche nelle cadute del “divino” Jonathan. Sgarbi ci aveva visto giusto insomma. Anzi, Sgarbi sapeva!

vittorio sgarbi capra

Maglie calcio a poco prezzo

Vittorio Sgarbi vs Cecchi Paone

Facciamo un salto di qualche anno. E’ storico dibattito con Cecchi Paone dove il Vittorio progenitore incastona un’altra perla fondamentale per i caprini destini: “… impari quella capra! Non portarmi dei fasulli, che fanno i laici del ca**o. Il ca**o gli piace! Quello gli piace!”
Qui la ricerca coglie un altro dei semi primigeni: la mascolinità, elemento distintivo del calcio caprino, che non lascia spazio a smancerie o relazioni promiscue. Il calcio caprino è soprattutto uomo, inteso come uno stile rude di vita. Una vita dedita al pallone da calcio. Ma i ricercatori vanno affondo, e sempre in questo momento rintracciano molto di più: è quel “Capra!” pronunciato ad alta voce. È la miccia, lo stoppino che aspetta la scintilla che innesca l’esplosione della dinamite.

Il momento epocale

E’ il “botto”, finalmente, arriva. Siamo su Rai2, a condurre c’è Piero Chiambretti e al suo fianco un avversario più agguerrito, Aldo Busi. Ed è proprio contro quest’ultimo che esplode dalla bocca di Sgarbi una parola. Un vocabolo che è pieno di significato, e che si ripete e si ripete. E’ più del solito tormentone latinoamericano dell’estate, è più dell’ostinato motivo del Bolero di Ravel. È un destino che forse si svela: “Capra!”, ripetuto fino allo sfinimento.

Conclusioni

Nasce così quindi il calcio caprino? Ha così origine questa meravigliosa rivoluzione? Il team di ricercatori ne è sicuro, ed è fiducioso di trovare presto ulteriori conferme riguardo l’ardua questione. Una cosa è certa: quello che Sgarbi ha fatto è stato sicuramente un passo che solca un abisso. Un piccolo passo per l’uomo, un gigantesco balzo per l’ovile.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social e cercane altri nelle varie sezioni del sito.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Lascia un Commento

Il Mondo Lana Caprina

I nostri articoli sono dedicati a coloro che trovano un momento di gloria senza mai essere stati dei numeri uno, a quelli che ci sono rimasti nel cuore non per la loro tecnica o per i trofei in bacheca ma piuttosto per quel loro modo, unico ed assolutamente “caprino”, di essere.

Gli ultimi Articoli

Seguici su Facebook

Iscriviti al Canale YouTube

Vuoi fare pubblicità sul nostro sito?

Diventa partner e visita la nostra pagina pubblicitaria