Il primo giocatore di Lana Caprina: Daniele Sciaudone

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Primo ispiratore del movimento caprino, primigenia scintilla che spinse all'individuazione dei Giocatori di Lana Caprina. Daniele Sciaudone è il "primo cavaliere" caprino!

Gennaio 2019, stadio Bentegodi, Verona-Cosenza. Potrebbe sembrare l’inizio di una qualunque partita di Serie B, invece per noi è diventato l’inizio di una leggenda.

Il gesto che scrisse la storia

Il Verona è avanti 2-0, quando al 66′ minuto Piero Braglia, allenatore della squadra ospite, si gira verso la panchina calabrese e dice “Tu, entra e risolvi la partita” (ci piace pensare che sia andata così).
Chi si sta alzando dalla panchina? il grande Leo Messi? il funambolico Ronaldinho? No, è Daniele Sciaudone, il Cristiano Ronaldo di Bergamo, che quest’anno sta meravigliando con le sue giocate il pubblico di Cosenza.
Chissà se nel momento in cui si è alzato avesse già in mente di scrivere una pagina della storia del calcio o se sia successo per caso…

Fatto sta che al minuto 81 segnerà un gran gol di testa e correrà a festeggiare sotto al settore ospite, imitando l’esultanza di CR7. In modo orgoglioso, in modo autentico come autentiche sono le esultanze dei bimbi in parrocchia o per strada, che festeggiano emulando i campioni del loro cuore.
Per la cronaca la partita finirà 2-2, ma a noi importa solo del minuto 81. In quel preciso istante l’aggettivo “Giocatore di Lana Caprina” si è elevato ad un livello superiore, trovando la sua perfetta espressione e manifestazione in Daniele. Il primo giocatore di Lana Caprina.

sciaudone daniele caprino

Maglie calcio a poco prezzo

La Carriera di Daniele Sciaudone

Dopo aver iniziato a giocare nel settore giovanile della Tritium, ha esordito in prima squadra con la società abduana il 28 agosto 2005, in una partita di Coppa Italia di Serie D dove ha anche segnato il suo primo gol in carriera.  Dopo due stagioni passa quindi al Taranto, con cui esordisce tra i professionisti giocando 3 partite in Serie C1. La stagione seguente trova più spazio anche in campionato, colleziona 21 presenze e segna 1 gol.
Si è poi trasferito al Foligno per due stagioni, nelle quali ha messo a segno 14 reti in 63 partite di campionato. Torna poi a Taranto, disputando anche i play-off per la promozione in Serie B.
Nell’estate 2012 viene prelevato dal Bari, con cui nella stagione 2012-2013 ha segnato 4 gol in 35 presenze nella serie cadetta. Nella stagione 2013-2014, Sciaudone scende in campo 42 volte mettendo a segno 5 reti. In totale con la maglia biancorossa mette insieme 101 presenze e 12 gol. Il 20 gennaio 2015 viene ceduto al Catania dove colleziona 18 presenze e 2 gol. Ad agosto 2016 passa a titolo definitivo alla Salernitana, ma dopo pochi mesi viene ceduto allo Spezia. Nell’estate del 2017 passa al Novara quindi a gennaio 2019 si trasferisce al Cosenza, in Serie B.

Nota a margine, nel 2015 Daniele Sciaudone è stato protagonista del film Una meravigliosa stagione fallimentare, incentrato sulle vicende del Bari Calcio.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social e cercane altri nelle varie sezioni del sito.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Lascia un Commento

Il Mondo Lana Caprina

I nostri articoli sono dedicati a coloro che trovano un momento di gloria senza mai essere stati dei numeri uno, a quelli che ci sono rimasti nel cuore non per la loro tecnica o per i trofei in bacheca ma piuttosto per quel loro modo, unico ed assolutamente “caprino”, di essere.

Gli ultimi Articoli

Seguici su Facebook

Iscriviti al Canale YouTube

Vuoi fare pubblicità sul nostro sito?

Diventa partner e visita la nostra pagina pubblicitaria