Ernests Gulbis tennista di lana merinos

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Ernests Gulbis è la dimostrazione vivente che nel tennis, come nella vita, non si può arrivare al top senza impegnarsi a fondo. Perchè il talento, da solo, non basta.

Il tennis, si sa, è un gioco di testa. Richiede abnegazione e determinazione, oltre che ovviamente tanta qualità. Tuttavia proprio la testa è la parte che manca ad alcuni talenti sprecati del rettangolo con la rete in mezzo. Questo è il caso di uno dei più famosi tennisti “di lana caprina”: Ernests Gulbis.

Ernests Gulbis: chi è?

Nato a Riga (Lettonia) il 30 agosto del 1988 il buon Ernests, (che deve il suo nome al romanzo di Oscar WildeL’importanza di chiamarsi Ernest“) è l’unico figlio della coppia Ainars Gulbis, che per chi non lo sapesse è un ricco proprietario di una ditta di gasdotti dell’est, e Milena Pucite, famosa attrice teatrale e cinematografica.
Questo preambolo serve solamente per precisare che allo sportivo i soldi non sono mai mancati, e ciò almeno in parte esplica la storia che vi andiamo raccontare.
Oltre ai soldi, ad aiutare Ernests è stata anche madre natura, che gli ha donato piacevole aspetto e talento per lo sport. A riguardo, Gulbis ha serenamente ammesso: “Nella mia vita tutto è arrivato, non ci pensavo nemmeno e non mi impegnavo più di tanto. Tanto le cose succedevano. Anche a scuola, mai avuto problemi”.
Quello che sicuramente invece gli è mancato è stata la voglia di essere il migliore nello sport. Una volontà che ha compensato con la straordinaria capacità di essere il più bravo a dilapidare capitali in vizi e stravizi.

tennis gulbis ernest lettonia

Accessori Tennis Online

La Carriera di Ernests Gulbis

Sin dagli albori della sua carriera è stato indicato come un tennista istrionico e talentuoso, tanto che egli stesso ha spesso dichiarato: “Il Tennis? Mi è sempre venuto naturale. Non mi serviva impegnarmi sul campo. Riuscivo e basta”. Una qualità che nella sua carriera gli è valsa poco, rispetto a ciò che poteva raccogliere.
Sono solo 6 infatti i tornei che il lettone ha portato a casa, e tutti 250. Le sue vittorie, inoltre, cadono tutte nel periodo che va dal 2010 (anno in cui ottiene anche il suo miglior ranking, n°10 ATP) al 2014, anno in cui inizierà il declino. Negli Slam, Gulbis non è mai riuscito ad andare oltre la semifinale raggiunta sul rosso di Parigi nel 2014, dove perse da Nole Djokovic in quattro set 3-6, 7-5, 6-2, 6-4.

La smargiassa

Cosa lo pone, quindi, in questa rubrica? Ve lo spieghiamo subito. La sera dopo la semifinale Ernests è tornato in Lettonia ed assieme al cugino ha dilapidato l’intera vincita di piazzamento al Roland Garros al casinò.
Lo stesso Gulbis ha denunciato la straordinaria bravata dichiarando candidamente: “Dopo aver perso con Djokovic, sono tornato a casa e insieme a mio cugino sono andato al Casinò: ho puntato tutto il montepremi vinto a Parigi (412.500 euro, ndr) e l’ho perso”.
Una storia che a molti ha fatto rizzare i capelli, ma che a noi, sia per la fantasia che per il talento con cui ha bruciato una fortuna in una singola sera, non poteva non interessare. Questo, insomma, è assolutamente un vero giocatore di lana caprina, dalla testa ai piedi.

Vuoi conoscere altre storie caprine sul tennis?

Cercale nell'apposita categoria!
Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social e cercane altri nelle varie sezioni del sito.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Lascia un Commento

Il Mondo Lana Caprina

I nostri articoli sono dedicati a coloro che trovano un momento di gloria senza mai essere stati dei numeri uno, a quelli che ci sono rimasti nel cuore non per la loro tecnica o per i trofei in bacheca ma piuttosto per quel loro modo, unico ed assolutamente “caprino”, di essere.

Gli ultimi Articoli

Seguici su Facebook

Iscriviti al Canale YouTube

Vuoi fare pubblicità sul nostro sito?

Diventa partner e visita la nostra pagina pubblicitaria