Simona Halep: Sacrificare il seno per le vittorie WTA

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
La nota tennista della Romania scelse anni fa di compiere un "estremo" sacrificio pur di migliorare le proprie prestazioni sul campo.

Quando diventi un “Giocatore di Lana Caprina” è difficile smettere di esserlo.
Vivere un percorso sportivo da eterno incompleto, sempre a rincorrere gli avversari, sempre a cercare la sconfitta di misura, quella onorevole, quella che ti fa uscire dal campo “a testa alta”… ma pur sempre da sconfitto. E’ questo il loro destino, il loro ruolo da comprimario all’interno del grande film della vita.
Oggi però parleremo di un’eccezione alla regola, ovvero di una tennista che sembrava destinata a questo tipo di carriera ma che ha deciso di rifiutarla. In modo drastico.

Simona Halep, l’eccezione rumena

Simona Halep, nata in Romania nel 1991, fino al 2008 non ha mai dato l’impressione di poter sfondare nel mondo del tennis. Il suo destino era quello riservato ai nostri amici di lana caprina: un triste anonimato.
Simona però non era affatto d’accordo. Aveva una grande tecnica, forse era un po’ lenta nei movimenti, ma non per colpa sua. La Halep era infatti ostacolata da qualcosa che non poteva migliorare con gli allenamenti, qualcosa che per lei era diventato un peso.

simona halep romania

Accessori Tennis Online

Un sacrificio per la gloria

Così un giorno, nel 2009, Simona Halep prese in mano il suo destino, e con l’altra mano afferò il suo titolo di “Giocatrice di Lana Caprina” di fatto distruggendolo. Quel giorno, a cambiarle la carriera fu un intervento di riduzione del seno! Eh già, la Halep era limitata nel suo gioco a causa del suo seno troppo prosperoso.
Dopo l’intervento, in pochi anni passò da essere la numero 220 al mondo a essere la numero 1, vincendo ben 18 titoli WTA. Insomma, il suo “taglio netto” col passato, e non solo… aveva dato i suoi frutti!

La Halep dopo il successo

La Halep ha recentemente dichiarato: “Diventare la numero uno al mondo è facile… se sai come farlo. Io ho fatto quello che dovevo fare e lo sono diventata”.

Da parte nostra, cara Simona, quel che possiamo dirti è che, anche se hai deciso di abbandonare il club dei caprini, noi non ti portiamo rancore. Quando e se vorrai tornare, magari a fine carriera, con la bacheca piena di titoli e trofei e la “pancia piena” di chi ha ormai vinto tutto, troverai sempre la porta aperta.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social e cercane altri nelle varie sezioni del sito.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Lascia un Commento

Il Mondo Lana Caprina

I nostri articoli sono dedicati a coloro che trovano un momento di gloria senza mai essere stati dei numeri uno, a quelli che ci sono rimasti nel cuore non per la loro tecnica o per i trofei in bacheca ma piuttosto per quel loro modo, unico ed assolutamente “caprino”, di essere.

Gli ultimi Articoli

Seguici su Facebook

Iscriviti al Canale YouTube

Vuoi fare pubblicità sul nostro sito?

Diventa partner e visita la nostra pagina pubblicitaria