Perugia 78/79, una stagione miracolosa e imbattuta

Il "Perugia dei Miracoli" compì una vera impresa nella stagione 1978/1979, riuscendo a chiuderla da imbattuta. Accadde per la prima volta nella storia della Serie A.

Perugia 78/79, una stagione miracolosa e imbattuta

La Serie A dell’anno 1978/79 è stata indimenticabile per il Perugia. La squadra denominata “I Grifoni” è stata in quell’anno degna del proprio nome e si sono impegnati per raggiungere vette nuove ed appassionanti. Per un’intera stagione sono rimasti infatti imbattuti. Cosa ha reso questa stagione passata così spettacolare per il Perugia? Qual’è il segreto dietro al loro successo?

Molti anni sono passati da allora, eppure ancora se ne parla. In quest’articolo vedremo più nello specifico com’è andata, quali sono stati gli elementi che hanno contraddistinto tale performance e più in generale contribuiremo ad imprimere a fuoco nei lettori un’indimenticabile stagione di calcio di Serie A.

Perché il Perugia?

Come ha fatto il Perugia a raggiungere tali vette negli ultimi anni settanta? Valerio Piccioni, sull’Annuario “Calcio Italiano”, scriveva che il merito della squadra umbra era da tenere in considerazione anche per quanto riguarda le sue umili origini. Tale obiettivo infatti è stato poi emulato da squadre più grandi e con più mezzi. Il Perugia però, come disse Piccioni manifestava “la storia del provinciale che fa fortuna”. Ma è troppo poco metterla così. Infatti, una squadra che vince e rivince, contro i grandi, contro molti, non è una storia già sentita, sa invece di moderno, e di cambiamento.

perugia dei miracoli

Se amate il calcio e non potete fare a meno di restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, recensioni e novità in campo, perché non provate https://onlinecasino.it/recensioni/olybet? Questa fantastica piattaforma vi farà sempre restare al passo con tutti gli aspetti più affascinanti e coinvolgenti del gioco del pallone! Cosa aspettate? 

Strategie e Vittorie

Il Perugia era all’epoca una squadra giovane con idee nuove. La squadra aveva bisogno di un leader. Questa figura è stata trovata nel personaggio di Franco D’Attoma, che nel 1974 cominciò ad interessarsi della piccola squadra. Nonostante fosse “ignorante di calcio” come per sua ammissione, D’Attoma fece del suo meglio per capovolgere le sorti della squadra. Un esempio di questo è stata la decisione di nominare Silvano Ramaccioni direttore sportivo. Certamente da non dimenticare è stata la guida di Ilario Castagner, senza la quale le sorti della piccola squadra dei “Grifoni” sarabbero state senza dubbio diverse. Grazie a tutti questi fattori però, la storia è stata quella che conosciamo e niente potrà cambiarla.

Il Perugia Oggi

Ormai sono passati molti anni da quella magica stagione per il Perugia. I tempi sono cambiati e molte sono state, da allora, le azioni e gli avvenimenti che hanno fatto restare i tifosi con il fiato sospeso. Dagli anni ottanta in poi il Perugia ha vissuto molte situazioni diverse, e non sempre il vento ha soffiato in loro favore. Ultimamente sono stati piuttosto positivi i risultati ottenuti da questa squadra, come ad esempio la loro ultima vittoria contro il Venezia. I pronostici per le prossime partite, e più in generale per il futuro della squadra sono vari, e continuano a cambiare ed a modificarsi ad ogni partita vinta o persa.
Siamo tutti curiosi di vedere cosa riserverà il futuro al Perugia, e come questa squadra riuscirà a destreggiarsi tra tutti gli attuali ostacoli.

Il Perugia dei Miracoli – VIDEO

Nel video che segue potete vedere un tributo al “Perugia dei Miracoli” della stagione 1978/1979,

E a proposito di video, non dimenticate di iscrivervi al nostro canale YouTube sempre pieno di contenuti.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo su tutti i Social

Se l'articolo ti è piaciuto condividilo su tutti i Social

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Iscriviti
Notifiche
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Il Mondo Lana Caprina

I nostri articoli sono dedicati a coloro che trovano un momento di gloria senza mai essere stati dei numeri uno, a quelli che ci sono rimasti nel cuore non per la loro tecnica o per i trofei in bacheca ma piuttosto per quel loro modo, unico ed assolutamente “caprino”, di essere.

Gli ultimi Articoli

Seguici su Facebook

Iscriviti al Canale YouTube

Vuoi fare pubblicità sul nostro sito?

Diventa partner e visita la nostra pagina pubblicitaria
0
Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!x