Piero e Cinzia, Antonello Venditti #Playlist

Antonello Venditti è strettamente legato al mondo del calcio. Sono tante le canzoni dedicate alla sua squadra del cuore, la Roma, c'è però anche un altro pezzo che con il cuore c'entra tantissimo, ma non con i giallorossi. Si tratta di "Piero e Cinzia", un brano cui fa da sfondo lo stadio San Siro e tratto da una storia vera. Un'amore spezzatosi traumaticamente proprio sul campo milanese, cambiando la vita ai protagonisti.

Senza alcun dubbio, Antonello Venditti è tra i “grandi” della musica italiana. In oltre 50 anni di carriera, il cantante romano ha venduto più di 30 milioni di dischi, componendo canzoni d’amore amatissime dal pubblico, che hanno fatto storia. Come ben noto, Venditti è un grande tifoso della Roma, per la quale ha composto addirittura tre inni (“Grazie Roma”, “Roma, Roma, Roma” e “Che c’è?”) oltre a scrivere diverse canzoni su alcuni protagonisti giallorossi come Agostino Di Bartolomei, Zdenek Zeman ecc…
Eppure, c’è un suo pezzo della metà degli anni ’80, intitolato “Piero e Cinzia”, che si svolge… non a Roma ma allo Stadio San Siro di Milano. Se siete curiosi di sapere il perché, vi basta proseguire nella lettura e scoprirete tutto.

La vera storia di Piero e Cinzia

Il 27 giugno 1980, a San Siro ci fu un leggendario concerto della star del reggae Bob Marley. Un evento unico cui anche Venditti, all’epoca poco più che 30enne ma già noto nel panorama musicale italiano, volle partecipare come spettatore. Centomila persone, un’esibizione magistrale, tutto bellissimo. Antonello ripartì il giorno seguente per Roma, dando un passaggio con la sua auto ad un ragazzo romano che come lui aveva partecipato al concerto, Piero. Meccanico, neo sposo, Piero durante il ritorno nella Capitale raccontò a Venditti di essere arrivato a Milano con sua moglie, Cinzia. Fidanzati dai tempi della scuola, la ragazza era incinta e, proprio durante il concerto, si era dileguata tra la folla, lasciando il povero Piero da solo, a cercarla disperato. Dopo una notte di vane ricerche e lacrime, in un’epoca lontana dall’era dei telefonini che consentono di poter essere rintracciati, Piero si era diretto al casello autostradale. Senza più auto e moglie, col cuore spezzato, sperando di trovare un passaggio.


Piero e Cinzia – Significato

Venditti rimase ovviamente colpito dal racconto e dal dramma personale vissuto da Piero. Immaginate cosa si può provare a vedere l’amore della propria vita scappare via, fuggire in un modo tanto egoista dal rapporto e dalle proprie responsabilità lasciando oltretutto un giovane marito e futuro padre da solo, a piedi, lontano da casa, senza alcuna spiegazione. Semplicemente devastante.
Dopo 4 anni dall’incontro, Venditti decise di scrivere una canzone su questa storia. Il brano “Piero e Cinzia” è quindi uscito nel 1984 all’interno dell’album “Cuore”, celando in se i suoi significati profondi. Quel “veleno” apparentemente inspiegabile nel testo è infatti la causa che deve aver portato Cinzia a compiere un gesto tanto tremendo, egoista, diciamo pure codardo, distruggendo la vita e il cuore di Piero. Scappando via da lui approfittando della confusione generale, per non farsi più vedere. E con suo figlio in grembo.

piero e cinzia antonello venditti significato

Antonello Venditti Online

Piero e Cinzia – Testo

Ecco quindi il testo della canzonePiero e Cinzia”, cui fa da sfondo il leggendario Stadio di San Siro.

“Cinzia cantava le sue canzoni, e si scriveva i testi sul diario per sentirli veri.
E proprio nell’ora di religione, quando tutto il mondo sembra buono anche il professore.

E lo stadio era pieno, Cinzia e il suo veleno. E lo stadio era pieno, Cinzia e il suo veleno.

Piero suonava solo la musica reggae, e i suoi capelli erano serpenti neri di medusa molli.
Sposati di fretta e con figlio in arrivo, un figlio nuovo di zecca da crescere bene.
Partirono insieme destinazione San Siro, con tutto quello che avevano in tasca, un indirizzo sicuro.

E lo stadio era pieno, Cinzia e il suo veleno. E lo stadio era pieno, Cinzia e il suo veleno.

E si che Milano quel giorno era Jamaica, con quelle palme immense sulle strade vuote e quarantuno all’ombra.
E quando gli idranti spararono sul cielo, qualcuno disse: “Guarda verso il palco, c’è l’arcobaleno”.
E venne la notte, le centomila fiammelle, la musica correva come un filo su tutta la mia pelle.

E lo stadio era pieno, Cinzia e il suo veleno. E lo stadio era pieno, Cinzia e il suo veleno.

Dai Cinzia torna a casa, dai Cinzia torna a casa.
Dai Cinzia torna a casa, dai Cinzia torna a casa.
Dai Cinzia torna a casa, dai Cinzia torna a casa…”

 

Piero e Cinzia sono tornati insieme?

Inevitabilmente, dopo il successo del brano in tanti si sono domandati che fine hanno fatto Piero e Cinzia. Da quanto sappiamo, nel 1986 Venditti ha rivelato che Piero si mise in contatto con lui per dargli una notizia insperata. A due anni dalla pubblicazione del pezzo, Cinzia era tornata finalmente a casa, assieme al loro bambino nato nel frattempo. Piero quindi ringraziò Venditti per aver saputo toccare, con la sua musica, le corde giuste, restituendogli il suo amore dopo tanta attesa e sofferenza.

Piero e Cinzia Oggi

Pare però che Piero e Cinzia si siano successivamente di nuovo separati, anche se non c’è certezza assoluta di questo. Sappiamo che nel 2021 Piero ha commentato un post social di Venditti, salutandolo e dicendogli che ora vive in Brasile dall’inizio degli anni ’90. L’uomo ha però eluso le domande di tanti utenti successive al suo messaggio, che gli chiedevano appunto notizie di Cinzia e del bambino. E chi ha poi visitato il suo profilo non ha trovato nulla di utile a riguardo. Forse quindi, ma sappiamo bene che dirlo da esterni è fin troppo facile perché l’amore ha regole tutte sue, venire scaricati in quel modo in mezzo a centomila persone, vedendosi negata anche la possibilità di crescere un figlio nei suoi primi anni, non sarà stato semplice da perdonare. Comprensibilmente.

Piero e Cinzia – Video

Di seguito il video della canzone “Piero e Cinzia”, per ascoltare questa storia attraverso le note di Venditti.
Un pezzo suonato in diversi tra gli stadi più grandi del mondo, tra i quali proprio lo stesso San Siro nel 1992.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo su tutti i Social

Se l'articolo ti è piaciuto condividilo su tutti i Social

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Iscriviti
Notifiche
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Il Mondo Lana Caprina

I nostri articoli sono dedicati a coloro che trovano un momento di gloria senza mai essere stati dei numeri uno, a quelli che ci sono rimasti nel cuore non per la loro tecnica o per i trofei in bacheca ma piuttosto per quel loro modo, unico ed assolutamente “caprino”, di essere.

Gli ultimi Articoli

Seguici su Facebook

Iscriviti al Canale YouTube

Vuoi fare pubblicità sul nostro sito?

Diventa partner e visita la nostra pagina pubblicitaria
0
Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!x
()
x