Kazuyoshi Miura la leggenda giapponese

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
L'attaccante giapponese "Kazu" Miura detiene il record di longevità nella storia del calcio. Ha esordito negli anni '80 ed ancora oggi, nel 2020, non vuole appendere gli scarpini al chiodo. Una vera leggenda!

Con i suoi 53 anni ha stabilito il record come calciatore più anziano nella storia del calcio professionistico, oltre ad essere anche il più vecchio marcatore di tutti i tempi. Scende in campo dagli anni ’80, di fatto da cinque decenni diversi, ed ha anche ispirato il noto cartone animato “Holly e Benji”. Tutto questo, e molto di più, è il leggendario Kazuyoshi Miura, che ha anche avuto una breve parentesi in Italia con il Genoa.

Chi è Kazuyoshi Miura?

Kazuyoshi Miura nasce a Shizuoka il 26 febbraio del 1967. Figlio di Nobu Naiya, implicato con la yakuza, utilizza per ragioni di sicurezza il cognome della madre. Ha un fratello maggiore, Yasutoshi Miura, anch’egli calciatore e suo compagno di squadra durante l’arco della sua carriera.
A 6 anni entra nella scuola Jonai, dove dal 1973 al 1982 si avvicina al calcio giocando nelle varie selezioni giovanili scolastiche, mettendo subito in mostra importanti qualità. In questo periodo emergono anche la sua grande forza di volontà e la determinazione di voler davvero sfondare nel mondo del calcio. Così, a soli 15 anni, stupisce tutti con la sua decisione di trasferirsi, da solo, in Brasile, per imparare nella terra dei campioni del calcio.

Miura in Brasile

Nel 1982 viene ingaggiato dal Clube Atlético Juventus entrando nelle giovanili del club verdeoro. Nel 1985 partecipa al campionato Under-21 dello Stato di San Paolo in Brasile, divenendo il primo calciatore giapponese a prender parte al torneo e mettendosi in grande evidenza. Per la stagione 1986 viene ingaggiato dal Santos, con cui colleziona 2 presenze. Al termine del campionato passa al Palmeiras, dove nell’annata 1986/1987 mette insieme 25 presenze e 2 reti.
Negli anni successivi gioca nel Matsubara, quindi con il Clube de Regatas Brasil e nel XV de Jau, con cui segna uno storico gol contro il fortissimo Corinthians. Nel 1989 passa al Coritiba FC con cui vince il campionato dello Stato di Paraná. Durante l’estate del 1990 ritorna al Santos con cui disputa il suo ultimo campionato in Brasile siglando 3 reti in 11 gare.

Kazuyoshi Miura e i successi in Giappone

Dal 1990 al 1994 Kazuyoshi Miura rientra in Giappone vestendo la maglia del Verdy Kawasaki. Con la squadra di Tokyo vince 3 campionati e 3 coppe, oltre a svariati premi a livello personale.
Durante questo quadriennio totalizza 45 reti in 97 presenze, entrando in pianta stabile nella nazionale giapponese con cui vince la Coppa d’Asia 1992. A fine carriera, saranno 55 le reti con la maglia del Giappone in 89 partite, una media di oltre un gol ogni due gare.

kazu miura genoa

Maglie calcio a poco prezzo

Kuzu Miura al Genoa

Nell’estate del 1994 sbarca in Europa firmando con il Genoa, e diventando il primo calciatore giapponese a giocare in Italia. Questa trattativa venne agevolata grazie ad alcuni importanti sponsor giapponesi, che versavano un contributo in denaro alla società ligure ad ogni presenza del giocatore.
Con la maglia del “Grifone” realizza 1 solo gol, il 4 dicembre 1994, regalando ai suoi il momentaneo vantaggio nel derby di Genova poi vinto dalla Sampdoria per 3-2. Durante la stagione l’attaccante del Genoa subisce una grave frattura al volto dopo un’entrata di Franco Baresi nella partita contro il Milan, rimanendo comunque in campo fino alla fine del primo tempo.
All’inizio del 1995 si assenta dal Genoa per partecipare con la sua Nazionale alla Kirin Cup, che poi vince.
Al suo rientro nei rossoblu perde il posto in squadra e così a fine campionato lascia l’Italia dopo 21 presenze.

Il ritorno in patria di “King Kazu”

Nella stagione 1995-1996 Kazuyoshi Miura ritorna nel suo paese rientrando al Verdy Kawasaki. Vi rimane fino al 1998 conquistando diversi altri Campionati, Coppe e una decina di premi a livello personale.
Nello stesso anno ottiene con la sua Nazionale la prima storica qualificazione al Mondiale, diventando una vera leggenda per il suo paese. “King Kazu”, questo il soprannome che gli danno i tifosi nipponici, è l’icona calcistica del Giappone, e viene regolarmente chiamato a partecipare a tutti gli incontri della squadra FIFA World Stars.
Nel 1999 passa brevemente allo Zagabria con cui vince il Campionato Croato, rientrando in Giappone nel 2000 per giocare con i Kyoto Sanga. Dal 2001 al 2005 gioca nel Vissel Kobe, ritrovandosi come compagno di squadra il fratello Yasutoshi. Mette assieme 25 reti in 103 apparizioni.
Nella stagione 2005 ha giocato con gli australiani del Sydney FC, disputando anche la Coppa del Mondo per Club 2005 svoltasi in Giappone a dicembre. Dopo questa esperienza, ha firmato nel 2006 per lo Yokohama FC, con cui gioca tutt’oggi ed è arrivato a quota 301 presenze e 26 gol.

I record di Kazuyoshi Miura

Il 12 marzo 2017 Kazuyoshi Miura ha stabilito il nuovo primato per il più anziano marcatore della storia del calcio, realizzando il gol decisivo nella vittoria del suo Yokohama per 1-0 contro il Thespa Kusatsu. Kazu aveva in quell’occasione 50 anni e 14 giorni.
Non contento, nel 2018 supera anche il record del portiere inglese Kevin Poole, diventando il calciatore professionista più anziano di tutti i tempi.
Ad oggi, il record di longevità aggiornato di Miura è di 53 anni, 5 mesi e 10 giorni, stabilito con la presenza contro il Sagan Tosu nel successo per 1-0 dei suoi Yokohama nella Coppa di lega nipponica il 5 agosto 2020.
Probabilmente, nel futuro ci sarà modo per Kazu di aggiornare ancora questo straordinario primato, visto che per Miura… il tempo sembra non passare mai!

Kazuyoshi Miura leggenda planetaria

Kazuyoshi Miura è una vera e propria star nel suo paese, essendo stato il primo nipponico a giocare in Brasile e in Italia. Lui stesso si definisce senza alcun problema di moestia “il re del calcio giapponese”.
E’ anche un personaggio del mondo dello spettacolo, essendo diventato negli anni uno showman televisivo, celebre per la decisione di non rilasciare mai interviste e di non mostrarsi in tv al di fuori delle apparizioni nei suoi programmi. La sua fama è provata anche dal fatto che Yoichi Takahashi, autore del celebre cartone animato “Che campioni Holly e Benji”, abbia riconosciuto di essersi ispirato proprio a Miura, usandone la storia e la figura per creare il personaggio di Oliver Hutton.

Nel video che segue vi proponiamo una collezione dei migliori gol di Kazu Miura, realizzati nell’arco della sua incredibile, e lunghissima, carriera.
E a proposito di video, non dimenticate di iscrivervi al nostro canale YouTube sempre pieno di contenuti.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social e cercane altri nelle varie sezioni del sito.

Giocatori di Lana Caprina

Giocatori di Lana Caprina

Lascia un Commento

Il Mondo Lana Caprina

I nostri articoli sono dedicati a coloro che trovano un momento di gloria senza mai essere stati dei numeri uno, a quelli che ci sono rimasti nel cuore non per la loro tecnica o per i trofei in bacheca ma piuttosto per quel loro modo, unico ed assolutamente “caprino”, di essere.

Gli ultimi Articoli

Seguici su Facebook

Iscriviti al Canale YouTube

Vuoi fare pubblicità sul nostro sito?

Lasciaci la tua email e ti invieremo le nostre proposte.

Vuoi fare pubblicità sul nostro sito?

Lasciaci la tua email e ti invieremo le nostre proposte.